… “E’ acqua!” “No, è mista!” “E’ neve, nevica”. Si rincorrono alla finestra e, alzando lo sguardo verso il lampione, guardano cosa cade dal cielo. La neve e la sua attesa, ogni anno, generano un sentimento di gioia e richiamano forse antiche promesse. Ci sediamo intorno al tavolo della cucina; la televisione è spenta ma, ascoltiamo qualcosa che non si riesce a sentire: la neve che vorremmo cadesse. Un biglietto, sul tavolo di fronte al panettone ai tre cioccolati; è del gruppo missionario che ci ricorda che anche questo tempo è quello che ci fa diventare ciò che siamo. Un papà, contento di questi momenti con i suoi due bambini. Una Casa, quella gialla, che che ci aiuta a riflettere. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *