Cara Casa Gialla,
grazie, “per educare, senza nascondere l’assurdo ch’è nel mondo, cercando d’essere franca all’altro come a te, sognando gli altri come ora non sono”
Grazie per permettere a chi vive tra le tue solide mura, alunni e insegnanti tutti, di crescere, sognati, visti e amati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *